Traslocare con il cane: come renderlo meno stressante

Traslocare con il cane

Indice

Il trasloco rientra tra le 10 cose che causano più stress all’uomo. E per quanto riguarda il cane invece?

Cambiare casa comporta affrontare una serie di cambiamenti ed è importante tenere in considerazione che verrà via con te anche il tuo amico a quattro zampe.

Traslocare con il cane significa, quindi, pensare anche alle sue esigenze e al suo benessere.

I cani sono animali abitudinari e molto legati alle abitudini. Un trasloco implica abbandonare quello che conoscono e li rassicura per andare in un luogo nuovo e sconosciuto. Queste novità potrebbero causare stress e nervosismo nel cane: si troverà circondato da situazioni, odori e suoni sconosciuti a cui non è abituato. Questo comporta una necessità di adattamento e che richiede una buona dose di energie, competenze e serenità.

Non tutti i cani sono uguali. I più sicuri di carattere affrontano i cambiamenti in modo più semplice e veloce. I soggetti più emotivi ed insicuri invece vivono il cambiamento con ansia e agitazione e hanno quindi bisogno di essere preparati e guidati al cambiamento.

Un argomento molto simile riguarda anche l’andare in vacanza che è anch’essa una situazione di cambiamento. Ne abbiamo parlato in questo altro articolo.

Come rendere il trasloco il meno stressante possibile? Ecco alcuni suggerimenti per gestire il tuo cane nel modo giusto.

Traslocare con il cane: quali aspetti considerare

Le prime domande da porsi per procedere nel modo giusto sono::

  • La nuova casa è adatta al tuo cane?
  • C’è uno spazio dedicato ai suoi bisogni e attività (giardino, terrazza,)?
  • la zona circostante è adatta alle sue attività (passeggiate, aree cani)?
  • Il luogo in cui andrai ad abitare (condominio) permette l’ingresso ad animali?
  • La casa ha delle zone a rischio (balconi senza ringhiere, spazi angusti, ecc)? 

Rispondere a queste domande ti aiuta a fare una sorta di piano che metterai in campo una volta arrivati nel nuovo ambiente per aiutare il cane ad ambientarsi velocemente.

La chiave per traslocare con il cane senza stress né per lui né per te è infatti giocare d’anticipo preparandolo al cambiamento.

Facciamo alcuni esempi.

Il passaggio da un appartamento a casa con giardino è visto come un enorme vantaggio per il cane, ma se il giardino confina con casa con altri cani molto rumorosi e agitati questo lo potrebbe agitare a sua volta, proprio come se noi traslocassimo e trovassimo dei vicini che urlano per molte ore al giorno.

La soluzione? Non lasciare per ore intere il cane in giardino. Se era abituato all’appartamento i primi giorni basteranno pochi minuti alla volta in giardino per poi, in caso, aumentare il tempo in giardino gradatamente.

Caso opposto, passaggio da casa con giardino ad appartamento.

Se il cane era abituato a fare i suoi bisogni in giardino adesso li dovrà fare al guinzaglio in passeggiata. Non è affatto un passaggio scontato. 

Soluzione? Abitua il tuo cane già prima del trasloco per alcune settimane a fare anche una piccola passeggiata in orari in cui sicuramente gli scappa (es la mattina). In questo modo si abituerà a sporcare in passeggiata e nel trasloco non troverà particolari difficoltà a riproporre questa abitudine.

Seguendo questi esempi analizza con cura tutti i punti importanti per il suo benessere e immedesimati nei suoi panni per rendere il processo di cambiamento più naturale e semplice possibile. Se hai bisogno di un aiuto professionale per gestire questa fase delicata delle vostra vita e renderla semplice contattaci per chiederci una consulenza.

Traslocare con il cane: come prepararsi

Se la nuova dimora è abbastanza vicina a te, puoi considerare l’ipotesi di portare il cane nel nuovo quartiere a fare una passeggiata, prima del trasloco.

Cammina con lui vicino alla tua nuova casa e lascia che il cane familiarizzi con gli odori del quartiere. 

Mentre prepari il trasloco con scatoloni e valigie attenzione che il tuo cane potrebbe accumulare parecchia tensione vedendoti fare attività così insolite e prolungate.

Se ne hai la possibilità una buona soluzione può essere di affidarlo a familiari che ti possono dare una mano, oppure ad un dog sitter che gli occupi queste giornate difficili.

In alternativa dovrai gestire molto bene le fasi della sua giornata assicurandoti di non rinforzare i suoi stati d’ansia.

Il giorno del trasloco

Durante il trasloco vero e proprio, affida la gestione del cane ad una persona che già lo conosce.

Avrà bisogno di essere controllato. La persona adibita alla cura del cane dovrà essere in grado di rilevare segnali di stress e, in caso di questi segnali, gestirli in maniera adeguata.

Quando sarà il momento di “traslocare il cane”, non imporgli situazioni a lui sconosciute durante il viaggio in macchina. Se è abituato al trasportino, usa il trasportino; se è abituato a stare nel bagagliaio con l’apposita rete, procedi come sempre.

Il viaggio in auto (https://cinofiliafacile.it/cane-in-macchina/) non deve subire cambiamenti rispetto alla sua normale routine.

Arrivati a destinazione, il cane avrà già a disposizione un luogo che avrai predisposto appositamente per lui con tutto ciò che ha sempre utilizzato.

La prima volta che entra nella nuova casa il tuo cane dedica del tempo esclusivo a lui e lascia stare valige e bagagli per qualche minuto.

Avrà bisogno di fare un giro esplorativo della sua nuova casa sia negli spazi interni che esterni. Il modo migliore per farglielo fare è al guinzaglio per farlo sentire guidato. Prima prenderà confidenza con nuovi spazi, odori e rumori del suo nuovo ambiente, prima si sentirà a casa.

Il tuo cane avrà la necessità di ricominciare la sua normale routine il prima possibile. Quindi reimposta orari, scegli nuovi percorsi nella nuova zona e mantieni questa routine nei giorni successivi al trasloco.

Il cane, in questa fase di cambiamento, ha bisogno di equilibrio così da non andare incontro a vere e proprie fasi di stress.

I primi giorni post trasloco

Se possibile, concediti qualche giorno in più da trascorrere a casa con il tuo animale domestico prima di tornare al lavoro. 

Farlo rimanere da solo in un ambiente nuovo potrebbe scatenare anche episodi di vera e propria ansia da distacco con conseguenti abbai incessanti, soprattutto se lasciato in un’area esterna. 

Quando sei via quindi, è consigliato lasciarlo dentro casa, un luogo per lui più rassicurante, che potrà anche esplorare in solitaria. 

Nel caso in cui il tuo cane torna a sporcare dentro può essere soltanto un segnale di stress temporaneo. In tal caso si risolverà da solo. Se però gli episodi aumentano in frequenza e si protraggono per molti giorni sono legati a forme di ansia più intense e in questo caso vanno risolti il prima possibile con l’aiuto di professionisti.

Come hai visto, traslocare con il cane deve essere un processo di adeguamento al cambiamento. Il cane è abituato a routine e regole: se durante le fasi di trasloco manterrai il più possibile la sua routine, il cane si stresserà il meno possibile.

Il trasloco, come detto all’inizio, può essere traumatico per tutti, per cani e persone. 

Tu hai bisogno di ambientarti e lo stesso vale per il tuo amico peloso. Ma, mentre tu sai a cosa vai incontro, lui no e si aspetta che sia tu ad aiutarlo.

Sfrutta quindi la preparazione preventiva che ti abbiamo suggerito. Se hai necessità di ulteriori suggerimenti e che ti guidiamo in questo cambiamento richiedi la nostra consulenza on line.

Potrebbe Interessarti anche:

Cani ansimano
Comportamento

Perché i cani ansimano?

Che i cani ansimano è risaputo. È un atteggiamento tipico del cane, soprattutto dopo una passeggiata all’aria aperta o dopo una sessione di gioco concitata.

Leggi di più »